La Prima Scopata Estiva.

Sexy 02Finalmente la scuola era finita e per fortuna, come tutti gli anni, Chase era stato promosso. La strada per il diploma era quasi al termine, ancora un anno. Ma ora l’importante era godersi la lunga estate. Appartenente ad una famiglia non proprio ricca, Chase e i suoi due fratelli trascorrevano le vacanze estive sulle spiagge Laziali, non troppo lontane dalla propria cittá. Si erano organizzati bene: abbonamento settimanale ai mezzi pubblici extraurbani, pranzo al sacco con panini, asciugamano e crema solare, ed abbonamento settimale allo stabilimento balneare che offriva prezzi stracciati agli studenti. Tutto era perfetto per iniziare la vacanza! Chase come tutti pensava ad una sola cosa, divertimento: nuoto, mare, pallone e perché no, conoscere qualche ragazza. I giorni passavano velocemente, casa, bus, mare, pranzo e poi di nuovo casa. Ogni tanto qualche uscita serale con i nuovi amici conosciuti, ma niente di piú. La ventata di freschezza e novitá, arrivó due giorni prima della fine della seconda settimana al mare. Chase era a pranzo, seduto con i suoi fratelli ed i suoi nuovi amici su un muretto. Parlavano e ridevano per stupidaggini, fino a quando una ragazza del gruppo si rivolse a Chase:
“Senti, perché non ci facciamo un giro, cosí digeriamo e possiamo farci il bagno prima?”.
Chase accettó e prima ancora che potesse chiedere al resto della comitiva se volesse unirsi a Loro, Milena, la ragazza lo prese per mano e lo trascinó via. Fecero pochi passi, Milena gli chiese di fermarsi e di entrare nella piccola cabina che lei e le sue amiche avevano affittato per tutto il mese. Chase non ci vide nulla di male, ma appena entrarono e lei chiuse a chiave la porta di legno, il cuore inizió a battere più velocemente! “Ti piaccio Chase?” Disse, cosí, diretta, senza esitazione. “Come?” rispose. “Ho detto, ti piaccio? Glielo fai sempre dire due volte alle ragazze?”. “No… io… non avevo capito e…” prima ancora che Chase terminasse il pensiero, Milena con la stessa spavalderia con cui lo portó nella cabina e la stessa sicurezza con cui gli fece le domande, afferró decisa i suoi boxer da mare e li tiró giú con un colpo deciso, lasciando Chase nudo di fronte a Lei. “Ma… ma che cosa fai?” disse subito Lui provando a riprendere la situazione in mano e cercando di tirare su il suo costume. “Cosa faccio?” e senza aggiungere una parola si mise in ginocchio davanti a Lui, che ormai capendo la direzione che stava prendendo quella situazione, la lasció fare. Inizió ad accarezzargli il cazzo, a pulirlo delicatamente con le sue mani affusolate, dalla sabbia. E piú lo puliva, piú si gonfiava. Poi poggió la sua sinistra su una gamba e con l’altra tiró la pelle del cazzo di Chase su, facendo uscire una enorme cappella rossa. Inizio a pulirgli anche quella, ma stavolta con la sua lunga lingua. Non se lo mise in bocca, inizio a leccarla come fosse un gelato, prima a destra, poi a sinistra ed infine sotto la cappella. Diventó duro come e il marmo. La ragazzina ci sapeva fare. In quello stesso istante Chase dovette poggiare le mani dietro il piccolo tavolino perché sentii che stava per venire. Se ne accorse anche Milena che sentí il cazzo pulsare piú velocemente e si fermó tutto d’un colpo, si mise in piedi davanti a Lui, lasciandolo a cazzo dritto e si slacció il costume, prese la Sua mano e gliela poggió sulle sue tette ancora acerbe ma belle piene. Chase inizió a palparla e toccarla. Dal cazzo di Chase, nonostante non fosse più stimolato manulamente, iniziarono ad uscire gocce di sperma che caddero sui piedi di Lei. “Allora ti piaccio” disse e contemporaneamente si tolse anche l’altro pezzo del costume, lo slip. Lasciando a Chase la visione di un enorme ammasso di peli neri. Ormai era troppo eccitato, fece per prenderla, doveva metterglielo dentro e svuotarsi le palle che ormai iniziavano a fargli male. Lei lo fermó, “No, non dentro”. Si avvicinó a Lui, lo bació sulla bocca e gli si mise di fronte. Fece scivolare il suo cazzo in mezzo alle sue gambe, a cavallo delle sue gambe e con movimenti lenti strusció la sua fica pelosa sul suo cazzo dritto. Chase venne poco dopo, di colpo, prima con una sola lunga intensa sborrata, sembrava stesse pisciando, poi con una seconda, una terza, una quarta… lo sperma coló tutto sulle gambe di Milena, che sembrava divertita dall’enorme potere che aveva in mezzo alle gambe. Lei lo guardó, si rimise il costume, si pulí alla meno peggio spalmandosi lo sperma sulle cosce come fosse crema solare e gli disse: “Domani é l’ultimo giorno di mare per me, porta un preservativo e te lo faccio mettere dentro. Chiudi la porta quando ti sei rivestito”.
La prima scopata estiva stava arrivando!

chase90