Lui, Lei & L’Amico Vergine

La luce dello schermo bastava ad illuminare la situazione, aveva tra le mani il suo pisello eretto e si stava masturbando lentamente! Se non fosse per la luce che emanava il monitor del PC portatile, non mi sarei accorto di nulla. Riccardo si stava segando nel silenzio più assoluto e fatta eccezione per il suo respiro affannoso, ed un leggero rumore provocato dalla sua mano che scivolava lungo l’asta del suo pisello, si poteva dire che in quella stanza non stava accadendo niente degno di attenzione. Continue Reading

L’Aurora Sboreale

«Il mio nome è Aurora» mi dice alzandosi cercando di stringermi la mano e lasciando cadere definitivamente l’asciugamano sulla panca rivestita di piastrelle di porcellana. Ora è completamente nuda ed il vapore crea delle piccole bollicine d’acqua su tutto il corpo creando una sorta di patina sul suo fisico. La osservo attentamente in quei brevissimi secondi che impiega per avvicinarsi a me, ed ora con lei così vicina, ho la certezza che le tette sono inesistenti, quelle sul petto sono più due piccole albicocche che seni ed in mezzo alle gambe è completamente liscia. Il tempo si dilata e non posso non notare che la sua fica sembra tutta “un pezzo”, le sue grandi labbra serrate sembrano incollate l’una all’altra e non lasciano intravedere altro se non un solco pronunciato a malapena. Mi domando quale sforzo un futuro pretendente debba fare per trovare il suo buco. Continue Reading

La Masturbazione Femminile

Conosco la vostra domanda principale: «Come si toccano intimamente le donne?».
Diciamolo subito, perchè questo almeno in parte è vero, la masturbazione per l’altra metá del cielo è tutta da scoprire, infatti le stesse donne riescono a scoprire le loro preferenze solo dopo diverso tempo e diverse esperienze. Sono certo che quanto sto per scrivere, sarà utile anche a qualcuna di voi e non sarà solo una curiosità per gli uomini che mi stanno leggendo, quindi speriamo che io possa aiutarvi a farvi vivere la masturbazione in modo più soddisfacente e privo di sensi di colpa. Buona Lettura. Continue Reading

Proposta Decente

Guardando le bancarelle, cercavo di non attirare l’attenzione, ma in realtà il mio sguardo era concentrato su quelle due ragazzine quasi nude davanti a me! Mi chiedevo come potessero due genitori permettere alle loro figlie un abbigliamento così audace per la loro età: pantaloncini corti all’inverosimile che lasciavano vedere tranquillamente “l’inizio” del culo e dei top dannatamente corti che mostrava tre quarti della schiena scoperta! Lo ammetto, nonostante la notevole differenza di età tra me e loro, pensieri che qualcuno definirebbe impuri, si fecero strada nella mia testa. Continue Reading

La Vergine Martina

Lo sguardo mi cade sulla scrivania all’interno della stanza. Mi stavo dimenticando gli occhiali da sole. Chiudo la porta alle mie spalle e mi avvicino per prenderli. In quell’istante lei esce dal bagno completamente nuda, occhi fissi sul suo cellulare mentre si dirige verso la borsa da viaggio dandomi le spalle. Non riesco a parlare, il suo giovane corpo è uno spettacolo ed una botta secca mi arriva al cuore che rischia di fermarsi. Non posso non mangiarla con gli occhi e la tipica pelle liscia di una ragazza ancora acerba nel fisico, non può non farmi pensare ad eventuali azioni a sfondo sessuale! Continue Reading

La Prima Volta É Stata Con La Mia Dottoressa

Solo per il semplice fatto di essere con i pantaloni ed i boxer completamente tirati giú davanti a Lei, qualche disagio poteva esserci! Un conto era spogliarsi per una ragazza con la quale avevi trascorso una serata, un altro era stare con il proprio pene davanti ad una Dottoressa che ti visita assumendosi tutti i rischi che il tocco dell’altra metà del cielo può avere sulle parti intime di un uomo! Ma non avevo molta scelta. Tra l’altro mi chiedevo come mai il mio medico curante avesse deciso di prendere come sua futura (quanto meno probabile) sostituta, una donna! Continue Reading

La Figlia Del Mio Collega

Sapevo che Franco, il mio collega, aveva una figlia, ma che fosse cosí bella, questo lo aveva omesso. Quando Lei aprí la porta, cercai di rimanere impassibile, ma non fu per niente facile, visto come era vestita (svestita?). Un pantaloncino nero corto aderente che lasciava poco all’immaginazione e una maglietta cortissima elasticizzata che modellava perfettamente il suo fisico. Il pantalone era talmente stretto che sembrava fosse di una taglia di meno e forse lo era. Aderiva alla sua fica cosí bene, che riuscivo a vedere lo spacco delle grandi labbra. La maglia avvolgeva i suoi seni decisamente piccoli, probabilmente non andava oltre una seconda, ma era talmente stretta che potevi intravedere i suoi capezzoli e delle piccole curve. Continue Reading